Sicurezza antincendio e normativa per i locali aperti al pubblico

La normativa per la sicurezza antincendio all’interno dei locali pubblici si basa su quanto definito dalla normativa antincendio opportunamente suddivisa in base all’uso che si farà dei locali stessi, per cui le norme di un albergo risulteranno diverse dalle norme indicate per locali di pubblico spettacolo.

Nello specifico i locali adibiti al pubblico, e pertanto con obbligo di riferimento alla legge, sono classificati cosi:

  • Impianti sportivi destinati alle manifestazioni sportive e con capienza superiore a 10.000 spettatori: per cui valgono le norme antincendio definite nel D.M. 18/3/1996Norme di sicurezza per la costruzione e l’esercizio di impianti sportivi” coordinato con le modifiche e le integrazioni introdotte dal D.M. 6 giugno 2005.
  • Locali di pubblico spettacolo: per cui si fa riferimento al D.M. 19/8/1996Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio dei locali di intrattenimento e di pubblico spettacolo“.
  • Strutture alberghiere: norme specifiche sono necessarie per queste strutture molto particolari che fanno riferimento al .Regola tecnica di prevenzione incendi per la costruzione e l’esercizio delle attività ricettive turistico-alberghiere” e e al D.M. 6/10/2003 indicato per le attività ricettive esistenti.
  • Spettacoli viaggianti: come ad esempio un circo, anche in questo caso esiste una normativa antincendio specifica il D.M. 18/5/2007Norme di sicurezza per le attività di spettacolo viaggiante”  a cui si aggiungono la Lett. circ. prot. n. 4958/4109/29 del 15 ottobre 2010 “Monitoraggio applicativo e raccolta indirizzi procedurali“,  la Circolare 1 dicembre 2009 n. 114 di “Chiarimenti e indirizzi applicativi” e infine l’ Elenco ministeriale delle attività spettacolari, attrazioni e intrattenimenti.
  • Attività commerciali: la sicurezza per quanto riguarda negozi o centri commerciali con superficie superiore a 400mq è definita all’interno del D.M. 27/7/2010Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio delle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq“.
  • Uffici: gli uffici aperti al pubblico devono rispettare delle precise norme contenute nel D.M. 22/2/2006Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l’esercizio di edifici e/o locali destinati ad uffici“.
  • Ospedali: per queste strutture vale quanto riportato nel D.M. 18/9/2002Regola tecnica di prevenzione incendi relativa alle strutture sanitarie pubbliche e private” attenzione la normativa è da applicarsi anche alle cliniche private.
  • Scuole: la sicurezza antincendio nelle scuole, viste come locali comunque aperti al pubblico, è definita dal D.M. 26/8/1992Norme di prevenzione incendi per l’edilizia scolastica“.

 

Cerchi una consulenza per la sicurezza antincendio del tuo locale?

Per maggiori informazioni

contatta PMI Servizi