Prevenzione incendi: deposito olio combustibile e gasolio

La normativa per la sicurezza antincendio, prevede per i depositi disposizioni obbligatorie per mantenere in sicurezza gli impianti e tutelare la salute dei lavoratori. Il deposito olio combustibile, costituito da uno o più serbatoi, possono essere ubicati sia all’interno dello stabile che all’esteno a patto che sia installato un impianto termico di protezione per la prevenzione degli incendi. Se l’impianto del deposito olio combustibile è situato all’esterno dell’edificio, i serbatoi andranno interrati sotto la strata e se installati a vista dovranno essere costruiti in un locale apposito e accessibile.

Nei casi in cui tale deposito fosse situato all’interno dello stabile, i serbatoi potranno essere installati a vista e sottoterra, purchè rispecchino determinate caratteristiche tecniche (materiali termici) e a patto che contengano esclusivamente combustibile liquido.

I serbatoi interrati:

I serbatoi interrati, sono soggetti a norme locali (differenti da regione a regione); essi devono essere:

  • Saldamente ancorati al terreno
  • Installati in modo tale da non essere danneggiati
  • Il materiale utilizzato per le pareti e i solai dovranno avere caratteristiche di resistenza al fuoco di almeno REI 90

Le norme generali per la protenzione incendi prevedono inoltre che tali dispositivi abbiano un doppio involucro al fine di contenere eventuali rischi di inquinamento delle falde acquifere. Onde evitare questo rischio dovranno essere predisposti da parte del responsabile antincendio e del servizio di sicurezza una serie di prove periodiche.

Approfondimenti: Ruolo e nomina dell’addetto antincendio in azienda